Emys orbicularis

emys02

Esemplare di Emys orbicularis con trasmittente prima del rilascio in natura

Emys orbicularis

La testuggine palustre europea Emys orbicularis (Linneo, 1758) appartiene alla famiglia Emydidae, costituita da testuggini semiacquatiche e terrestri presenti in tutti i continenti, tranne che in Australia ed in Antartide. Questa famiglia, ampiamente distribuita con diversi generi in America, aveva, come unico rappresentante in Europa, la specie Emys orbicularis fino al 2005, quando un’indagine genetica ha differenziato le popolazioni siciliane ascrivendole ad una specie nuova per la scienza, Emys trinacris Fritz et al., 2005.

Emys orbicularis è la testuggine che raggiunge le latitudini più elevate e che occupa uno degli areali di distribuzione più ampio. Questo rettile è infatti diffuso in Europa ed in buona parte del Medio Oriente sino alle regioni circostanti il Mar Caspio, il Lago di Aral ed il Kazakhistan. Altre zone di minore diffusione sono situate nell’Africa maghrebina: Marocco nord-occidentale, Algeria e Tunisia.

Si tratta di una testuggine di taglia media, il cui carapace (porzione dorsale dello scudo) può eccezionalmente raggiungere i 30 cm di lunghezza nelle popolazioni dell’Europa centrale; esso si presenta piuttosto appiattito, se confrontato con quello delle testuggini terrestri, e particolarmente liscio. La colorazione è abbastanza variabile: dal nero al bruno-rossiccio fino al giallo-verdognolo; in numerose popolazioni è presente una caratteristica punteggiatura giallastra, evidente soprattutto lungo le placche marginali. Il piastrone (porzione ventrale dello scudo) è solitamente giallino, con macchie scure più o meno diffuse. Il capo, ovoidale e massiccio, presenta poche e larghe squame di colore scuro, molto spesso punteggiate di giallo. Gli arti sono piuttosto corti e presentano dita ben distinte, munite di unghie visibili ed acuminate, congiunte da una robusta membrana natatoria, più sviluppata in quelli posteriori.
I maschi differiscono dalle femmine per le minori dimensioni, il piastrone decisamente concavo e la coda più lunga e spessa.

La testuggine palustre europea è una specie molto legata all’ambiente acquatico e frequenta gli ambienti terrestri solamente per la nidificazione o per compiere brevi migrazioni, a causa del prosciugamento dei corpi idrici. Gli ambienti utilizzati sono i più svariati: canali, stagni permanenti o temporanei, laghi, estuari, fiumi, torrenti, torbiere ed anche zone con acque salmastre, ma generalmente predilige acque ferme o a lento corso situate in aree pianeggianti.

Il periodo di attività è compreso tra le prime giornate tiepide di marzo e aprile, fino alla fine di ottobre. Nelle annate particolarmente temperate in certe località meridionali la testuggine palustre europea resta più o meno attiva tutto l’anno, ma di regola, quando la temperatura è inferiore ai 10°C, entra in fase di quiescenza affondandosi nel fango o interrandosi presso le rive.
Durante il periodo di attività le testuggini trascorrono molte ore della giornata riscaldandosi al sole sulle rive, su isolotti, su cumuli di materiale galleggiante o su tronchi rivieraschi o sporgenti dall’acqua. I giovani sono prevalentemente carnivori e si cibano di adulti e larve di insetti, girini e chiocciole acquatiche, mentre gli adulti integrano la loro dieta con notevoli quantità di materiale vegetale.

L’accoppiamento avviene, nella maggior parte dei casi, in acqua tra marzo ed aprile e non è raro che una femmina possa accoppiarsi con più maschi nella stessa stagione. Le deposizioni di uova – fino ad un massimo di tre per femmina per anno - hanno luogo tra la seconda metà di maggio e la prima metà di luglio ed avvengono a terra in un luogo ben esposto a sud, di solito scelto dopo diverse ispezioni effettuate dalla femmina nei giorni antecedenti. La femmina scava una buca profonda tra gli 8 ed i 10 cm con le zampe posteriori, senza mai voltarsi per guardare la propria opera; il numero delle uova deposte varia in base al peso ed alle dimensioni dell’animale, ma è compreso fra 3 e 16 nella quasi totalità dei casi. Il sesso degli embrioni dipende dalla temperatura d’incubazione delle uova: temperature elevate, mediamente intorno a 30 °C, producono prevalentemente femmine, mentre al di sotto di 25°C sono prodotti quasi esclusivamente maschi. La schiusa avviene in occasione dei violenti acquazzoni di fine estate e autunnali, oppure nella primavera successiva.

La specie è molto longeva: è stato riportato il caso di un esemplare ospitato in un giardino della Francia meridionale vissuto in cattività oltre 120 anni.

Emys orbicularis rappresenta una specie protetta nella maggior parte delle nazioni in cui è presente. Il commercio è vietato in base alle Convenzione di Berna del 1979 (protezione della fauna europea). La specie è inoltre tutelata dalla Direttiva Comunitaria 92/43 detta “Direttiva Habitat” e recepita dall’Italia con D.P.R. n. 357 del 1997, successivamente modificato dal D.P.R. n. 120 del 2003. In Liguria la testuggine palustre è tutelata dalla L.R. n. 4 del 22 gennaio 1992, specifica per la tutela della fauna minore rivolta, in particolare, verso anfibi e rettili.